Benvenuto nel sito

Menù di utilità

 

DATABASE NAZIONALE SINKHOLE

Progetto Sinkhole

Da alcuni anni vengono condotti dal Servizio Geologico d’Italia Dipartimento Difesa del Suolo, studi e ricerche sui fenomeni naturali di sprofondamento (sinkhole senso stretto) che hanno interessato tutto il territorio nazionale. I lavori hanno previsto una approfondita ricerca bibliografica ed una prima raccolta di dati finalizzati al censimento dei fenomeni di sinkhole e sopralluoghi con rilevamenti in sito che hanno portato alla ricostruzione delle morfologie delle cavità nonché del contesto geologico-strutturale, geomorfologico ed idrogeologico al loro contorno. Allo stato attuale delle conoscenze rimane aperto il dibattito circa la definizione dei meccanismi genetici che determinano tali fenomeni, e quindi è stata avviata dal Servizio Geologico una definizione di linee guida che ne permettano una più corretta classificazione.

Primo piano

L’ISPRA–Servizio Geologico d’Italia organizza il 3° Workshop internazionale:
VORAGINI IN ITALIA I SINKHOLES E LE CAVITÀ SOTTERRANEE: RICERCA STORICA METODI DI STUDIO E D’INTERVENTO

ROMA 8 MAGGIO 2014 - SALA CONVEGNI CNR

L’8 maggio si terrà a Roma , il 3° workshop sui sinkholes e le cavità sotterranee, presso la sala convegni CNR, P.le A. Moro 7. L’iscrizione è gratuita; sono stati richiesti all’ordine dei geologi i crediti APC per i partecipanti. In tale occasione verrà distribuito il 93° Volume delle Memorie Descr. della Carta Geol. d’It., contenente la carta dei sinkholes del Lazio Per poter partecipare è necessario, tuttavia, iscriversi quanto prima (i posti sono limitati) sul sito dell’ISPRA: link
Chi volesse presentare un contributo dovrà inviare un breve riassunto al seguente indirizzo: convegnosinkhole@isprambiente.it, entro e non oltre l’8 aprile.

Fonte: ISPRA

Locandina: Scarica/Visualizza

7th EUREGEO 2012 Session 7
SUSCEPTIBILITY MAPS OF COLLAPSE SINKHOLES IN URBAN AREAS BY USING GEOSPATIAL ANALYSIS

Giancarlo Ciotoli, Stefania Nisio, Maria Grazia Finoia and Angelo Corazza

Risk assessment related to collapse sinkholes in urban areas requires quantitative data on the susceptibility of the area associated with the phenomenon and the vulnerability of the human environment affected by it (Smith, 2009). At this scope the following steps should be integrated: 1. the collection of different informative layers (i.e., geology, hydrology, geotechnical characteristics, inventories of cases, geomorphology, etc.); 2. the hierarchization (“weighting”) of these layers according to their influence on the phenomenon; 3. the organization in levels of analysis; 4. the creation of an appropriate model according to the available data.

Fonte: ISPRA

Versione in PDF: Scarica/Visualizza

I SINNKHOLES NELLA REGIONE LAZIO ALLA SCALA 1:250.000
Catalogo 2011 - Su carta geologica informatizzata della Regione Lazio (2012)
Autori: F. Meloni, S. Nisio, G. Ciotoli, L. Liperi, V. Tonelli, P. Zizzari

La carta riporta i sinkholes censiti con dati aggiornati al 2011; sono stati considerati gli eventi di sprofondamento naturale in aree di pianura, secondo la classificazione di Nisio & Salvati (2004) e Nisio (2008). Per le aree di maggiore concentrazione e' stato effettuato un ingrandimento, riportato a bordo carta e contrassegnato da una lettera. La base e' costituita dalla carta Geologica Informatizzata della Regione Lazio (2012) in scala 1:25.000, semplificata, con accorpamento dei litotipi per ambiente deposizionale e per litologia.

Fonte: ISPRA

Versione in PDF: Scarica

European Geosciences Union General Assembly 2012
Vienna | Austria | 22 – 27 April 2012
Sessione NH 8.6
Sinkholes: from susceptibility to risk evaluation and mapping Conveners: M. Parise, G.R. Iovine , S. Nisio

Sinkholes are widespread in many countries of the world, in several geological and morphological settings, affecting distinct lithotypes either in the detrital cover sequences or in bedrock outcrops. In particular, some phenomena develop in geomorphological context characterized by plain areas and notable detrital coverages, either made of sediments or colluvial or residual terrains, thick even tens to hundreds of meters. In some cases, the genetic mechanisms are poorly understood; they can be quite complex and appear not directly connected with classical karstic processes. The recent urban development and the increasing need of spaces for infrastructures in areas potentially affected by sinkholes require a better comprehension in terms of related susceptibility, hazard and risk. The session aims to stimulate the discussion on the state-of-the-art of the studies on the mentioned topic, with special regard to sinkholes in plain not-karstic areas. Analyses of genetic mechanisms, methodological examples of investigation, and case studies are welcome, as well as description of techniques for evaluating susceptibility, hazard and risk.

Fonte: European Geosciences Union

First Announcement & Call for Papers for the
EAGE Workshop on Dead Sea Sinkholes
Causes, Effects & Solution
23 - 26 September 2012 - Amman, Jordan

The sinkholes in relation with the terminal lake level's lowering were observed for the first time in the dried up Lynch Strait in the early 80's, retrospectively, from aerial photographs acquired at that time. Explanatory models of the formation of ground collapses do not explain why the sinkholes occurred from the 80's and not before. The lowering of the Dead Sea dates back to the early 60's. What is causing this delay of nearly 20 years? The sinkholes of the Dead Sea are localized mainly in the southern part of the lake, over and on either side of the Lisan Peninsula. Why is there such an asymmetry between northern and southern parts of the Dead Sea? At regional scale, the collapses have a linear geographical distribution. What is the role played by tectonics in the past, present and future distribution of the sinkholes? And last but not least; are we just going to learn to live with it or do we want to find out more, do we want to predict where the next sinkhole will occur and do we want to generate solutions so that we can use the affected areas as we see fit? All together, we expect that this workshop will answer to these questions.

Fonte: EAGE

UNA SESSIONE SUI SINKHOLES AL CONVEGNO GEOITALIA 2011
TORINO 19-23 SETTEMBRE 2011

SIMPOSIO C: PROCESSI MORFOGENETICI ED EVOLUZIONE DEL RILIEVO
*Nisio, S. (ispra); Amanti, M. (ispra); Parise, M. (irpi.cnr); Santo, A. (unina)

La Sessione viene proposta per confrontarsi e discutere gli ultimi studi e le ricerche riguardanti i fenomeni di sprofondamento (sinkholes) naturali ed antropogenici. In particolare, ci si propone di focalizzare l’attenzione sulla diffusione di tali fenomeni, sulle più moderne metodologie di studio e monitoraggio, sui meccanismi genetici, sulla definizione di possibili aree suscettibili nonché sulle proposte di classificazione dei fenomeni. Particolare attenzione si vuole dare alla ricerca storica, risultata importante nello studio dei sinkholes

Fonte: Geoitalia.org

3-8/04/2011 Vienna (Austria): EGU - General Assembly 2011

Nel corso dei lavori della European Geosciences Union - General Assembly 2011, nel raggruppamento NH-Natural Hazards è prevista una specifica sessione dedicata ai fenomeni di sprofondamento improvviso: NH8.4 – Sinkholes: from susceptibility to risk evaluation and mapping (convener: G.R. Iovine; Co-Conveners: M. Parise e S. Nisio).

Info: EGU

09/12/2010 Roma (Italia): voragine in via Columella.

In via Columella (VI Municipio) a Roma si è aperta una voragine del diametro di alcuni metri.

Fonte: La Repubblica.it

Galleria immagini: La Repubblica.it

09/12/2010 Altamura (Bari, Italia): Convegno “STUDI ED INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLE CAVITA’ ANTROPICHE E NATURALI, ASPETTI GEOLOGICI, GEOTECNICI E SISMICI”

Nel corso dei lavori del Convegno “Studi ed interventi per il risanamento delle cavità antropiche e naturali, aspetti geologici, geotecnici e sismici” è stato presentato da S. Nisio (ISPRA) lo stato dell’arte delle attività svolte dal Servizio Geologico d’Itali (ISPRA) nel censimento dei fenomeni di sprofondamento improvviso del territorio nazionale.

Informazioni sull’evento: SIGEA

10/11/2010 Bologna (Italia): voragine nell’area-cantiere della TAV.

Nell’area interessata dai lavori per la realizzazione della linea TAV, si è aperta una voragine di 15 m di diametro e 3 m di profondità.

Fonte: La Repubblica.it

Galleria immagini: La Repubblica.it

01/11/2010 Schmalkalden (Germania): formazione di un sinkhole.

In un parco residenziale della cittadina di Schmalkalden, nella Turingia (Germania), si è aperta un voragine della circonferenza di 30 m e profondità di 25. Sono state evacuate 20 persone per motivi di sicurezza.


Fonte: La Repubblica.it

Video: La Repubblica.it

07/10/2010 Policoro (Matera, Italia): Conferenza Nazionale TESTI ANTICHI, DOCUMENTAZIONE STORICA, EVENTI NATURALI

Nel corso dei lavori della Conferenza Nazionale TESTI ANTICHI, DOCUMENTAZIONE STORICA, EVENTI NATURALI organizzata dal dr. M. Aversa (ISPRA), sono stati presentati i risultati delle ricerche svolte S. Nisio (ISPRA) e P.M. Guarino (ISPRA) su: I Sinkhole tra Mito, Storia e Leggenda.


Informazioni sulle'evento: ISPRA

06/08/2010 Casamarciano (Napoli, Italia): sinkhole in un’area rurale.

Due persone sono precipitate in una voragine apertasi improvvisamente nelle campagne di Casamarciano, piccolo comune nei pressi di Nola. Le piogge dei giorni scorsi hanno provocato il crollo della volta di una antica cava.


Fonte: La Repubblica.it

01/06/2010 Città del Guatemala: sinkhole nel centro urbano.

Il passaggio dell’uragano Agatha ha provocato molti danni nello stato del Guatemala. Nella capitale, si è aperta una grande voragine di 20 m di diametro e 30 m di profondità.


Fonte: La Repubblica.it

2° Workshop internazionale, Roma 3-4 Dicembre 2009

I Sinkholes. Gli sprofondamenti catastrofici nell'ambiente naturale ed in quello antropizzato.

Sono in didponibili gli atti del 2° workshop internazionale tenutosi a Roma il 3-4 dicembre del 2009.


Visualizza (58Mb)